Automisurazione

Per conoscere in tempo reale il valore della tua pressione, del colesterolo, trigliceridi, glicemia e tempo di protrombina puoi effettuare gli autotest diagnostici in pochi minuti, direttamente in farmacia, attraverso poche gocce di sangue prelevate dal dito in modo indolore. Non occorre prenotare. Il servizio ha un costo di € 5,00

Colesterolo

Misurare il Colesterolo (LDL)

Il colesterolo è una sostanza grassa, che nelle giuste dosi, è necessaria al nostro organismo,  dove è presente  grazie alla produzione dello stesso organismo e all'apporto di cibo. Il cd "LDL  alto", di per sé non è una malattia, ma un un fattore (tra altri) che può causare il rischio di incorrere in una malattia vera e propria. Proprio per questo, non esistono sintomi del " LDL alto", è solo un controllo che può svelare una sovrapproduzione oppure uno smaltimento non adeguato alle quantità introdotte con la dieta.

Quando misuriamo il LDL , possiamo ottenere un valore oppure due distinti. Nel primo caso si parla di LDL Totale che di per se non è un valore altamente indicativo, visto che fornisce solo l'idea dei limiti entro i quali ci aggiriamo (troppo altro, borderline, entro i limiti). Quando invece analizziamo due valori, parliamo di HDL (meglio noto come" buono") e LDL ("il cattivo") e solo in questo caso riusciamo ad avere una misurazione indicativa dello stato di produzione corporea, smaltimento ed ingestione dei cibi.

E' opportuno tenere sotto controllo il colesterolo quando c'è' famigliarità, quando si conduce una vita particolarmente sedentaria, quando la nostra alimentazione non è sana e regolare, quando sappiamo di avere altri fattori di rischio o quanto abbiamo uno storico di malattie cardiovascolari.

Trigliceridi

text

Pressione

Misurazione Pressione

L'ipertensione, di per se, non è una malattia, viene infatti definita "fattore di rischio", ossia un fattore (insieme ad altri) che può causare il rischio di malattie vere e proprie. Molti ipertesi non hanno infatti alcun sintomo, ma altri possono arrivare a tenere sotto controllo la pressione in seguito a ronzii auricolari, disturbi della vista, senso di vuoto alla testa, vertigini, palpitazioni.

Quando misuriamo la pressione, otteniamo due valori, comunemente detti "minima" e "massima". Ma cosa sono? Partiamo dal principio: il cuore si contrae e si distende ritmicamente, durante la contrazione, spinge il sangue attraverso le arterie verso tutto il corpo con una forza, proprio sulle pareti delle arterie, che genera la pressione sistolica (la massima). Durante il rilassamento si misura la pressione diastolica (la minima), cioè la pressione ridotta che è generata dalla forza "di rientro" del sangue. La pressione arteriosa varia nei diversi momenti della giornata, oppure durante lo sport, o dopo un caffè ( per via delle sostanze che contiene), ma varia anche con l'età, poiché le arterie perdono elasticità e di conseguenza rispondono meno alla forza impartita dal cuore al sangue.

Glicemia

Your text...

Tempo di protrombina PT

Your text...
test diagnostici

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Informativa cookie

Accetto